Pepe e Paolucci presentano alla V Commissione una risoluzione per chiedere disposizioni urgenti sul sistema di tracciamento dei tamponi effettuati presso i laboratori privati

I Consiglieri Regionali del Partito Democratico Dino Pepe e Silvio Paolucci hanno presentato una risoluzione al Presidente della V Commissione avente per oggetto “Emergenza Covid-19 – Disposizioni urgenti sul sistema di tracciamento dei tamponi effettuati presso i laboratori privati”.

Non c’è più tempo da perdere, occorre attuare disposizioni urgenti sul sistema di tracciamento dei tamponi effettuati presso i laboratori privati e stabilire così regole e rigide procedure di comunicazione tra laboratori privati e servizi di prevenzione al fine di non creare ulteriori disagi alla nostra popolazione, già duramente colpita dall’emergenza” dichiarano i due consiglieri regionali del Partito Democratico. 

In tal senso si chiede che il Consiglio Regionale impegni il Presidente e la Giunta ad attivare urgentemente ogni iniziativa utile ad accertare tali gravi carenze di comunicazione tra i laboratori privati ed il competente Servizio Igiene Epidemiologia e Sanità Pubblica (Siesp) delle Asl abruzzesi; a potenziare la Rete dei Laboratori Regionali SARS-CoV-2 con la finalità di assicurare tempestivamente un incremento della capacità diagnostica di test connessa allo stato emergenziale; a stabilire rigide procedure di comunicazione tra i laboratori privati e i servizi di prevenzione, la cui assenza sta determinando tra i cittadini disagi e ritardi.

Bisogna che il sistema sia reso più fluido e “meno burocratico” così da non incorrere nei ritardi a cui abbiamo assistito in questi ultimi mesi – sottolineano Pepe e Paolucci – si deve infatti evitare che vi siano perdite di dati nel tracciamento dei temponi privati. L’Abruzzo dovrebbe inoltre calmierare i costi dei test e dei tamponi nel privato come fatto da altre regioni italiane, onde evitare che ci siano speculazioni sui prezzi. Insomma, chiediamo regole certe in questo difficile campo, in particolare servono certezze sul tracciamento nei laboratori privati altrimenti quelli pubblici rischiano il collasso”.

Auspichiamo che la V Commissione calendarizzi al più presto la nostra risoluzione e che Governatore e Giunta diano finalmente ascolto alle opposizioni su questo delicato tema, assicurando così un incremento della capacità diagnostica di test per venire incontro all’attuale stato di emergenza” conclude la nota.