DISIMPEGNO AZZERATO! L’ABRUZZO NON RENDERA’ NEANCHE UN EURO A BRUXELLES

Sin dall’insediamento, l’Assessore alle Politiche Agricole Dino Pepe, ha rivolto grande attenzione all’altissimo rischio di disimpegno delle risorse europee attualmente a disposizione per l’agricoltura e lo sviluppo rurale abruzzese per la programmazione 2007/2013. Sei mesi fa infatti, al momento del conferimento della delega, era necessario recuperare il forte ritardo accumulato dalla precedente Giunta Regionale nell’emanazione dei bandi, che ha messo seriamente a rischio somme rilevanti di denaro destinate ai nostri agricoltori, che, com’è noto, sarebbero dovute essere riconsegnate all’Unione Europea.
Il 30 giugno 2014 la Regione doveva impegnare ancora 51.031.483 euro di spesa prevista, rischiando di dover restituire a Bruxelles ben 23.050.921 euro del fondo europeo FEASR! Una cifra così alta sembrava destinata semplicemente ad essere ridotta di poco se non ci fosse stato un deciso cambio di passo. L’Assessore Pepe ha impresso da subito, una forte accelerazione sotto il profilo organizzativo per scongiurare la perdita dei fondi. “Sono state 20 settimane di serrato lavoro per tutta la struttura regionale” – ha sottolineato Pepe – “Ad ottobre il rischio di disimpegno si attestava ancora a 20 milioni di euro e con uno sforzo sinergico di programmazione, unito all’impegno di tutti i dipendenti, abbiamo portato a conclusione le migliaia di procedimenti già avviati” . “Per la prima volta i pagamenti agroambientali e compensativi sono stati pagati nell’anno in corso.” – ha proseguito l’Assessore – “e oggi, sono felice di comunicare che il disimpegno è stato completamente evitato! Nessun euro farà marcia indietro verso Bruxelles.”
Una splendida notizia per l’agricoltura abruzzese, che non perderà risorse, dimostrando di poter tagliare un traguardo che solo sei mesi fa sembrava irraggiungibile.
L’Assessore Pepe, esprimendo grande soddisfazione per l’obiettivo cruciale raggiunto, ha ringraziato “la struttura regionale, i dipendenti delle comunità montane e le organizzazioni professionali per l’impegno, la disponibilità e la competenza dimostrate.”