DISIMPEGNO RISORSE EUROPEE QUASI AZZERATO

SPESO IL 99% DEI FONDI: RISULTATO STRAORDINARIO – L’Aquila, 31 dic. “Il 2015 si chiude con un risultato molto positivo per tutta la comunità agricola regionale”. Così l’Assessore regionale alle Politiche agricole, Dino Pepe, ha commentato i dati trasmessi dall’organismo pagatore del ministero dell’Agricoltura (AGEA), relativi all’avanzamento di spesa per il FEASR (Fondo Europeo Agricolo e per lo Sviluppo Rurale). “L’Abruzzo non è più la penultima regione italiana nella classifica degli enti con spesa virtuosa per l’agricoltura. Anzi si colloca per merito, nel gruppo delle regioni che hanno investito più risorse”. L’Assessore Pepe, con grande soddisfazione si è soffermato sui dati diffusi da Roma: “L’Abruzzo ha speso già oltre il 98% delle risorse disponibili per l’agricoltura regionale contenute nel FEASR. E’ un risultato eccezionale, che si attesta al di sopra della media italiana (circa 97,7%). A giugno 2014, – spiega Pepe – al momento dell’insediamento della Giunta guidata dal Presidente Luciano D’Alfonso, la nostra regione aveva speso appena il 60% delle risorse, classificandosi penultima in Italia. Oggi l’Abruzzo, grazie ad una serie di strategie messe in campo dall’assessorato alle politiche agricole, alla professionalità ed all’impegno costante della struttura, ha segnato uno dei maggiori avanzamenti di spesa in Italia degli ultimi 18 mesi. Ringrazio la struttura regionale e le Comunità Montane per l’impegno e la dedizione dimostrate, nonostante le difficoltà incontrate nell’anno corrente”. L’Assessore spiega gli importanti provvedimenti che hanno permesso di raggiungere l’obiettivo: “Nel 2015, sono stati emessi nuovi bandi e si è proceduto allo scorrimento selettivo delle graduatorie già approvate di alcune misure, permettendo il finanziamento di numerosi progetti. E’ stato emesso il nuovo bando per l’agricoltura biologica che ha interessato oltre 1500 aziende agricole abruzzesi – prosegue Pepe – e l’indennità compensativa per le zone montane (oltre 3000 aziende). La strategia dell’assessorato ha interessato anche un confronto costante con le banche, per creare condizioni che potessero agevolare l’accesso al credito delle aziende ammesse a finanziamento e dei GAL (Gruppi di Azione Locale). Sono stati messi in atto tutti gli strumenti necessari all’ottimizzazione delle risorse programmate, unitamente alla gestione delle proroghe per alcune misure, azioni atte a favorire l’avanzamento di spesa e l’economia agricola. Inoltre, è stato istituito per la prima volta, un fondo di rotazione destinato ai Centri di Ricerca Regionali, per permettere loro di completare i singoli programmi di lavoro nei tempi stabiliti, utilizzando tutte le risorse messe a disposizione nel PSR 2007-2013. Le risorse europee non utilizzate dall’Abruzzo sono inferiori alla media italiana. Un risultato impensabile appena 18 mesi fa”. Pepe infine, ha lasciato intendere che il dato potrebbe migliorare ancora visto che “saranno effettuate ulteriori liquidazioni fino ad oggi”.